Attività

Il centro diurno si impegna allo svolgimento di regolari attività ricreative e psico -educative basate sul miglioramento della vita dei soggetti affetti da disturbo pervasivo dello sviluppo, sviluppate in un programma settimanale scandito, il rispetto del quale permetterà di comprenderne la reale efficacia o, in caso contrario, di provvedere a delle modifiche.  Tali attività si intendono quasi unicamente di gruppo, nonostante si cercherà, al loro interno, di considerare la casistica individuale data l’eterogeneità dell’utenza. A tal proposito la suddivisione prevede:

  • LABORATORI

Ognuno a cadenza bisettimanale,suddivisi a loro volta in:

  • LABORATORI CREATIVI

Pittura, riciclo creativo, cucina, giardinaggio 

  • LABORATORI COGNITIVI

Si lavora sulle abilità funzionali utilizzando mezzi quali:  computer, fotografie, PECS, quaderni didattici, libri illustrati e storie sociali per stimolare l’attività cognitiva: come, ad esempio, la lista della spesa per acquistare al supermercato i prodotti necessari per la preparazione del pasto, le didascalie per commentare le foto scattate in varie occasioni, oppure le etichette per i prodotti fatti in casa. Si propongono dei software didattici per mantenere e potenziare le abilità cognitive degli utenti. Si sfruttano le potenzialità del computer per incrementare la comunicazione utilizzando dei programmi specifici e incoraggiando l’utilizzo del VOCA (comunicatori con uscita in voce) da parte degli utenti privi di un linguaggio verbale vocale o della lingua dei segni. Si insegnano le competenze vocazionali come ad esempio l’inserimento dei dati, la copiatura dei messaggi o la creazione di etichette adesive. Si incoraggiano infine gli utenti a sfruttare il computer per impegnare piacevolmente i momenti di tempo libero navigando su Internet.

  • LABORATORI MOTORI

L’attività motoria viene svolta regolarmente al fine di sviluppare e consolidare la coordinazione e la bilateralità legate a movimenti di motricità grossa e fine. Attraverso l’insegnamento di giochi di gruppo (pallacanestro, ping pong, bowling ecc) si punta inoltre a sottolineare il valore ricreativo dell’attività fisica, e a sfruttare anche, per fini comunicativi e per il consolidamento del gruppo, le situazioni di gioco.

  • INTERVENTI RIABILITATIVI E PSICO- EDUCATIVI

Tale intervento mira al passaggio da un’idea globale a una conoscenza dettagliata del soggetto in molti diversi ambiti. Quando si prende in esame il profilo di sviluppo emerso da un test di valutazione somministrato a un soggetto con autismo, è di fondamentale importanza considerare attentamente la variabilità dei subtest all’interno delle scale globali. A causa della disarmonia nel profilo cognitivo dei soggetti con Autismo il processo di valutazione deve tenere in considerazione anche lo sviluppo sensoriale e sensomotorio, la memoria, l’attenzione, la percezione, lo stile cognitivo, le funzioni esecutive, l’abilità di categorizzazione, la cognizione sociale, le abilità rappresentazionali e metarappresentazionali. Tali aree costituiscono altrettante dimensioni lungo le quali viene effettuata la valutazione. Lo scopo di questo processo conoscitivo multidimensionale è quello di giungere a un quadro preciso del profilo del soggetto in cui emergano con chiarezza i punti deboli e i punti di forza. Avere a disposizione un quadro di questo genere, ci dà la possibilità di avere un solido punto di partenza per programmare un intervento individualizzato efficace.

SETTIMANA TIPO

Programma Settimanale 11- 16


Archivi