Ippoterapia

IPPOTERAPIA

ippo01_MOD

L’ippoterapia è la terapia con il mezzo del cavallo e riguarda l’insieme di tecniche mediche che utilizzano questa creatura per migliorare lo stato di salute di un soggetto umano. Attraverso l’uso di innumerevoli stimoli psichici e motori si può assistere a numerosi miglioramenti funzionali in breve tempo, proprio grazie alla magica interazione che si viene a creare tra l’uomo e il cavallo. Non bisogna dimenticare che l’equitazione a scopo terapeutico ha origini molto antiche perché il cavallo da sempre è considerato un’efficace medicina. Lo stesso Ippocrate nel 400 a.C. consigliava lunghe passeggiate a cavallo per combattere l’ansia e l’insonnia. Venne introdotta in Italia negli anni ’70 dalla psicologa Daniele Nicolas Citterio, ed entra cosi a far parte una volta per tutte delle terapie previste a curare disfunzioni quali per esempio l’autismo. Come sappiamo una tra le maggiori difficoltà di questa patologia sta nell’esprimere le emozioni e leggere quelle altrui, questo vale anche per altre forme quali ad esempio la sindrome di Asperger, in questo il cavallo è sicuramente uno dei mezzi più efficaci perché stimola la persona sia sul piano emotivo che su quello sensoriale ed affettivo, aiutando queste persone a creare un contatto con il mondo esterno. Tramite la somministrazione degli esercizi terapeutici al soggetto, questi finirà per rispondervi automaticamente fino ad arrivare al controllo totale del cavallo attraverso le proprie azioni. Anche il re-inserimento sociale può essere concretizzato attraverso l’ippoterapia una volta oltrepassati i deficit psicomotori che erano alla base della difficoltà relazionale della persona; non lavora infatti solo sul fronte neuro-motorio ma anche sul profilo psicologico e relazionale. E’ un’attività estremamente stimolante che li aiuta a non sentirsi “diversi” e una percezione genuina di per sé infonde sempre fiducia in sé stessi, autostima e coraggio. Il cavallo diventa una sorta di ombra in quanto lì dove non arriva il movimento della persona si sostituisce il passo dell’animale che si sovrappone all’immagine di chi vi è sopra. Non dobbiamo infatti dimenticare che l’andatura del passo è estremamente simile al camminare dell’uomo e questo crea di per sé fondamentali stimolazioni che portano la persona disabile ad avere importanti miglioramenti sotto ogni aspetto.


Archivi